Cordoni e Cordoli in porfido e pietra naturale Colombini Srl

   

Detti anche “cordoli”, sono manufatti a forma di parallelepipedo grossolano e presentano una testa (faccia superiore), due fianchi (facce laterali più grandi, di cui generalmente una viene “vista”, l’altra rimane nascosta affogata nell’allettamento), un piede (faccia superiore) e due giunti (facce laterali più piccole, cosiddette perché sono le parti di congiunzione dei vari elementi).
Hanno gli stessi impieghi dei binderi, ma a differenza di questi ultimi, vengono posati verticalmente e in rilievo di circa 10-15 cm rispetto al livello della superficie. In questo modo essi sono la risposta ideale per il contenimento di aiuole, giardini, marciapiedi e cigli stradali, segnando una netta separazione fra le diverse zone.
L’altezza del fianco in vista varia dai 20 ai 25 cm e la lunghezza è preferibilmente a correre, ma è realizzabile anche su misura; i giunti sono lavorati perfettamente a squadra rispetto alla testa superiore per almeno 15 cm.
Per lo smaltimento delle acque meteoriche, sono forniti dei pezzi nella cui parte inferiore viene praticata una cavità (bocca di lupo) delle dimensioni desiderate.

POSA IN OPERA
Con l’ausilio di punte e corde apposite si determinano l’allineamento e le quote di posa; sullo strato di sottofondo si provvede poi a predisporre il letto id posa costituito da malta cementizia, dosata a kg 300/mc di cemento Portland 325. Il piede della cordonata, una volta trovato il giusto allineamento e livello, deve appoggiare completamente nella malta di allettamento; si procede quindi al rinfiancamento con malta cementizia che sarà particolarmente abbondante in corrispondenza delle giunzioni tra un elemento e l’altro. In un secondo tempo si provvede alla sigillatura dei giunti, che saranno costipati di boiacca cementizia e quindi stilati e ben ripuliti con acqua e spugne.

Visualizzazione di tutti i 5 risultati